Douglas Jackson


è un ex giornalista e nutre da sempre una grande passione per la storia romana. Vive in Scozia, con la moglie e tre figli. È autore, tra gli altri, dei romanzi Il segreto dell’imperatore, Morte all’imperatore!, L’eroe di Roma, Combatti per Roma, La vendetta di Roma, Nel segno di Roma e I nemici di Roma, pubblicati dalla Newton Compton. I suoi libri sono tradotti in 12 Paesi. Per saperne di più: www.douglasjackson.net

«Uno dei migliori scrittori di romanzi storici.» Daily Express

70 D.C. Gaio Valerio Verre, un tempo tribuno militare, è in disgrazia. Bandito da Roma, con la minaccia della pena capitale, non gli resta che partire per l’Oriente, dove è in corso la ribellione dei giudei. L’unica speranza di ridare lustro alla sua famiglia, infatti, è legata al suo amico Tito, comandante delle armate in Giudea e figlio del nuovo imperatore, Vespasiano. Ma non appena Valerio raggiunge l’accampamento dei legionari, a ridosso della fortezza di Gerusalemme, si accorge che Tito è un uomo molto diverso da come lo ricordava. Il giovane pieno di ideali si è trasformato in un soldato cinico e spietato, schiacciato dalla responsabilità della missione che suo padre...

«Il miglior scrittore di romanzi storici vivente!» Daily Express

Estate del 69 d.C. Roma e il suo impero sono in fermento, costretti nella morsa di una guerra civile spietata. L’imperatore Otone si è ucciso e il suo rivale, Vitellio, occupa il trono imperiale. Tuttavia, c’è fermento anche in Oriente: le legioni hanno dichiarato imperatore Tito Flavio Vespasiano. Nella calura secca di una mattina di agosto, Gaio Valerio Verre si prepara per il suo ultimo giorno sulla terra. Indebolito, accusato ingiustamente di aver disertato a Bedriacum, sembra destinato a morire da traditore. Ma la mano del boia si ferma. I nemici di Vitellio risparmieranno la vita di colui che fu l’Eroe di Roma, a condizione che giuri fedeltà a Vespasiano e alla sua...

«Uno dei migliori autori di romanzi storici.»
Daily Express

Un grande romanzo storico 

Nel furore della guerra civile, chi diventerà un vero eroe?

68 d.C. il regno sanguinoso dell’imperatore Nerone sta giungendo alla sua fine quando Gaio Valerio Verre viene inviato in missione a Roma.

Con la morte di Nerone, infatti, la città tira un sospiro di sollievo e l’attesa del successore in arrivo dalla Spagna, Servio Sulpicio Galba, si fa febbrile. Ma le speranze di tutti sono destinate a rimanere deluse. Il principato di Galba infatti finisce appena un mese dopo il suo arrivo, in una carneficina, e l’anno che segue, conosciuto come l’Anno dei Quattro Imperatori, è un periodo di guerra civile che mette Roma in ginocchio. Morto Galba,...

«Uno dei migliori autori di romanzi storici.»
Daily Express

Un grande romanzo storico

Tenetevi pronti allo scontro che deciderà il futuro dell’Impero

Roma, 66 dopo Cristo. Gli uomini di Nerone danno la caccia agli ultimi sopravvissuti che hanno preso parte alla cospirazione di Pisone.
Eppure, nonostante le vipere siano state eliminate con il ferro e il fuoco, il giovane imperatore, sempre più instabile, sente che il suo potere si sta indebolendo. In Giudea, i ribelli hanno battuto il suo esercito; in Germania le legioni sul Reno sono in agitazione; in Spagna il governatore trama contro di lui. Ma la minaccia più pericolosa arriva da Oriente, dove Nerone teme che il generale Corbulone si stia preparando a marciare contro Roma....

La storia di Roma è scritta con la spada

Un grande romanzo storico

Difendi l'impero
Roma ha bisogno del suo eroe

 
Gaio Valerio Verre è appena tornato nell’Urbe dopo la vittoriosa campagna contro Budicca, in Britannia.
Proprio ora che viene salutato dal popolo come l’eroe di Roma, però, capisce di non essere più l’uomo di un tempo: segnato nel corpo e nell’animo dalla guerra, non ha più nemmeno accanto i suoi antichi affetti. La sorella, infatti, è sul letto di morte per una malattia incurabile e suo padre si è allontanato per sempre dalla città. E nemmeno Roma è come Verre la ricordava: lo scellerato governo di Nerone ha seminato il panico, e chi cerca il potere a tutti costi può facilmente sfruttare le debolezze dell’imperatore...

Può uno schiavo cambiare il destino di Roma?

«Non c’è nessuna certezza, ogni amicizia può nascondere insidie, ogni allenza può rivelarsi fatale. E tutto questo in una rievocazione storica quanto mai riuscita.»
Historia


Il nome di Caligola è passato alla storia come sinonimo di decadenza, crudeltà e follia. Il suo impero è contraddistinto dagli eccessi, da progetti di edifici spropositati, da cospirazioni, assassinii, attentati e scandali sessuali. Ma anche dalle più imponenti battaglie di gladiatori mai allestite, con scontri tra uomini e animali mandati a morire a centinaia. Proprio all’ombra degli spettacoli circensi vivono Rufo, un giovane schiavo con uno straordinario talento nell’addestrare le belve, e il suo amico Cupido,...

EDIZIONE SPECIALE: CONTIENE UN ESTRATTO DEL NUOVO ROMANZO

Una delle battaglie più sanguinose della storia dell'impero romano

«La gloria di quel giorno fu splendida, all’altezza delle vittorie di un tempo.»
Tacito

La storia lo ha reso vincitore


Britannia, 59 d.C. Il potere di Roma sul territorio dell’odierna Inghilterra si sta indebolendo. L’imperatore Nerone ha distolto la sua attenzione da questo remoto avamposto, e l’ascesa dei Druidi, che gettano semi di ribellione tra le tribù britanniche, sembra inarrestabile. Le vessazioni e lo sfruttamento delle popolazioni sottomesse hanno fatto crescere il malcontento, e la regina guerriera Budicca, tradita, umiliata e oltraggiata dai Romani, sta preparando un imponente esercito per...

Le legioni avanzano, la vittoria è vicina

«Un autore che darà filo da torcere ai maggiori scrittori di romanzi storici.»
The Scotsman


43 d.C. Arroccato nella sua fortezza nel Sud dell’odierna Inghilterra, Carataco, capo supremo dei Britanni, guarda dall’alto della collina l’esercito nemico che avanza. Elmi e corazze dei legionari brillano per tutta la vallata come stelle nel cielo, e le insegne romane ondeggiano minacciose al richiamo di battaglia delle trombe. L’imperatore Claudio già pregusta la vittoria: presto anche lui avrà un posto nella storia come i suoi gloriosi predecessori, Cesare e Augusto.
Intanto i Britanni, finalmente riuniti in un unico esercito, serrano i ranghi. È il loro ultimo, disperato tentativo di difesa e...