I grandi romanzi gotici

€ 9,90

A cura di Riccardo Reim
Edizioni integrali


Lugubri castelli infestati da spettri, sinistre apparizioni notturne, giovani eroine preda di indescrivibili orrori, tenebrosi e fatali persecutori, mostri, licantropi, vampiri... Il romanzo “gotico”, dal Castle of Otranto di Walpole (1764) al Melmoth di Maturin (1820) – per indicare due libri che, secondo una certa convenzione, segnerebbero gli estremi cronologici del fenomeno – è davvero soltanto questo cupo bric-à-brac di luoghi, personaggi e situazioni? O invece la narrativa gotica, con il suo «sublime del terrore», in reazione al predominio della ragione e del common sense, nasconde angosce e inquietudini che oggi torniamo a sentire sorprendentemente vicine?... Attraverso i capolavori dei maestri indiscussi del genere (Horace Walpole, M.G. Lewis, Ann Radcliffe, Mary Shelley, C.R. Maturin, John William Polidori) il lettore è chiamato a esplorare i labirintici sentieri della paura – elemento cardine della Gothic Fiction, e che, come notava D. Punter, «non è semplicemente un tema o un atteggiamento, ma ha anche delle conseguenze in termini di forma, stile e rapporti sociali dei testi» –, a godere, con un brivido di delizia, la caotica, trionfante irruzione del terrore sulla pagina scritta.

• Il castello di Otranto di HORACE WALPOLE
• Il monaco di MATTHEW G. LEWIS
• L’italiano o Il confessionale dei Penitenti Neri di ANN RADCLIFFE
• Frankenstein di MARY W. SHELLEY
• Melmoth l’uomo errante di CHARLES ROBERT MATURIN
• Il vampiro di JOHN WILLIAM POLIDORI

ISBN: 9788854191938 - Pagine: 1008 - I Mammut n. 177 - Argomenti: Classici moderni - Horror - Classici - Fantascienza, Horror e Fantasy
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...