Gente di Dublino

€ 1,99

Cura e traduzione di Marina Emo Capodilista
Edizione integrale

Cronache della paralisi spirituale, politica e sociale di una città, i quindici racconti che compongono Gente di Dublino, primo grande esito narrativo di Joyce e opera fondamentale della letteratura europea contemporanea, sono lo specchio di un’Irlanda avvilita, frustrata, delusa: prigionieri della noia, dell’angoscia, dell’atrofia dilagante, impantanati nell’accidia più bieca, inariditi nell’animo e nei sentimenti, schiacciati da un ristagno generale che toglie ogni energia e impedisce l’azione, i protagonisti di queste storie apparentemente banali, di questi casi quotidiani privi di rilievo, di questi meccanismi consueti del comportamento umano tentano invano di fuggire da una patetica, disperata immobilità. Spogliando il racconto breve degli ultimi orpelli romantici con il suo realismo minuzioso ed essenziale, Joyce contribuì con quest’opera a conferirgli statura artistica e a farne il genere letterario più moderno.

«Attraversò rapidamente lo stretto vicolo di Temple Bar, borbottando fra sé che potevano tutti andare all’inferno, tanto lui avrebbe passato una bella serata.»

ISBN: 9788854125940 - Pagine: 192 - classici n. 20 - Argomenti:
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...