I boss della camorra

€ 9,90

«Un libro secco, chiaro, duro.»
Roberto Saviano, L'Espresso

Una delle più potenti organizzazioni criminali del mondo raccontata attraverso le vite dei suoi capi


C’è chi si è dipinto come un Robin Hood moderno, chi ha cominciato ad ammazzare per vendetta e poi ci ha preso gusto. C’è chi si è definito il “Gianni Agnelli di Napoli” perché dava lavoro a migliaia di persone e chi continua a proclamarsi un onesto commerciante perseguitato dalla legge. Pazzi, esaltati, timidi, insicuri, paranoici, spietati, vigliacchi e narcisisti: s’incontra davvero di tutto nell’affollata galleria dei boss che hanno fatto della camorra una delle più ramificate e pervasive organizzazioni criminali del mondo, in grado di impossessarsi di molti settori dell’economia e di produrre una quantità impressionante di morti ammazzati. In cima all’elenco dei protagonisti di una devastazione alla quale lo Stato è in parte riuscito a porre rimedio non può che esserci Raffaele Cutolo, fondatore della Nuova Camorra Organizzata, seppellito in galera sotto una montagna di ergastoli e custode di segreti che (forse) si porterà nella tomba. Ha invece preferito dire tutto ciò che sapeva il suo principale antagonista, Carmine Alfieri, per anni al vertice della Nuova famiglia: a “convincerlo” a collaborare con la giustizia fu papa Wojtyła. Ma
prima di Cutolo e Alfieri, a fare la storia della camorra erano stati - tra gli altri - il guappo “gentiluomo” Antonio Spavone e il contrabbandiere Michele Zaza, criminali dall’esistenza affascinante e spericolata. Un capitolo del libro è dedicato ai rapporti tra camorristi e politici, un tema del quale non si è mai parlato abbastanza. Nell’appendice di questa edizione sono raccontate cinque nuove storie di capoclan che direttamente o indirettamente continuano a dettare legge: Marco Di Lauro, Vincenzo Mazzarella, Michele Zagaria, Giuseppe Polverino e Biagio Cava. Latitanti o in carcere, non hanno mai smesso di gestire un giro d’affari – legali e illegali – per miliardi di euro.

Una delle più potenti organizzazioni criminali del mondo raccontata attraverso la vita e "le imprese" dei suoi capi: dai "guappi" gentiluomini alla paranza dei bambini

«De Stefano, con coraggio, ha descritto i potenti personaggi del mondo criminale [...] Denunciandone la ferocia e l’esaltazione paranoica.»
Aldo Forbice

«Una storia di sangue e di crudeltà in un paese senza ricchezza e con una giustizia spesso distratta.»
La Repubblica

ISBN: 9788822701497 - Pagine: 384 - Controcorrente n. 133 - Argomenti: Storia
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...