Archeologia proibita

€ 12,00

Storia segreta della razza umana

Le origini dell’uomo moderno sono davvero così recenti? La teoria dell’evoluzione è così scientificamente documentata e  inattaccabile? Una recente interpretazione archeologica condotta da due ricercatori dimostrerebbe il contrario. Secondo Michael A. Cremo e Richard L. Thompson, a dispetto delle più consolidate teorie scientifiche, le origini dell’uomo moderno non risalirebbero a 100.000 anni fa, ma a ben tre milioni di anni fa. I siti archeologici che producono tali evidenze, non solo sotto forma di reperti paleontologici, ma anche di manufatti, vengono dettagliatamente descritti e interpretati in questo saggio affascinante e provocatorio. L’intento divulgativo di questo studio non smorza tuttavia i toni di accusa contro il mondo scientifico, che secondo gli autori avrebbe ignorato e occultato le prove più scomode, con l’obiettivo di mantenere saldo lo “status quo” della teoria evolutiva. Ciò che emerge è che con ogni probabilità non è esistita un’evoluzione del genere umano dall’Australopiteco all’Homo Sapiens, ma che al contrario uomini e ominidi hanno da sempre coesistito sulla Terra e che quindi la teoria evoluzionista della vita sul nostro pianeta, su cui si basano le odierne scienze naturali, non hanno alcun fondamento certo.

«L’incredibile resoconto di come le evidenze archeologiche siano state fatte sparire per proteggere il paradigma dominante.»
Phillip Johnson, Berkeley University

«Un valido contributo allo studio sull’origine e sulla storia dell’uomo.»
Siegfried Scherer, biologo, Università di Monaco

ISBN: 9788822725851 - Pagine: 352 - I volti della storia n. 502 - Argomenti: Storia - Storia - Saggistica
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...