A Roma oggi se dice così. Dizionario e modi di dire del nuovo romanesco

€ 10,00

Da “Ahò” a “bella pe’ te”, da “sto a rota” a “zagajà” ecco a voi il libro per scoprire, attraverso la sua lingua, qualcosa in più sulla Città Eterna

Il romanesco è una “lingua” in evoluzione, non un dialetto “in via d’estinzione” come lamentano i più pessimisti. Ci sono parole e modi di dire che ancora conserviamo dai tempi di Nerone, accanto ad altri che prendono in prestito lo slang della più moderna tecnologia, sconosciuti ai romani di qualche decennio fa. Il tutto si amalgama in un mix linguistico di straordinaria concretezza, che rispecchia il carattere dei romani, sbruffoni e bonaccioni, dissacranti e ironici, mai contenti. Questo dizionario non è un manuale linguistico, ma un modo diverso e divertente di raccontare Roma, i suoi abitanti, il loro modo di fare e di comunicare nella vita di tutti i giorni. Ogni parola è “tradotta” in italiano e poi commentata con aneddoti e piccole storie tratte dal mondo di oggi o dai ricordi di un passato che rivive nei racconti dei più anziani. Nel frasario finale, si illustrano le espressioni, insulti feroci o semplici sfottò, che risuonano nei vicoli e nelle strade congestionate della città. Insomma, si spazia dai sonetti del Belli alle battute dei personaggi dei film di Sordi e Verdone, dai versi di Califano alle dichiarazioni d’amore di Venditti, fino al “neo-romanesco” contemporaneo di Johnny Palomba e Diego Bianchi, in arte Zoro.

A roma oggi se dice così:

Appiccicà - Cojonà - Inquartasse - Intuzzà - Monticiano - Piotta - Svortà - Stacce - Fattela pijà bene - Sto a schiumà - Vai cercanno Maria pe’ Roma - A chi tocca nun se ‘ngrugna - Magnatela ‘na cosetta

ISBN: 9788854197374 - Pagine: 224 - Grandi Manuali Newton n. 421 - Argomenti: Enciclopedie - Guide - Linguistica - Saggistica
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...