Yadi Sharifirad


pilota, è stato colonnello e comandante di squadriglia nella forza aerea iraniana negli anni Settanta e Ottanta. Dopo aver conosciuto il carcere e la tortura, è riuscito a scappare dall’Iran e attualmente vive a Vancouver con la sua famiglia.

Una storia vera

In Iran, uno dei regimi più repressivi al mondo, un uomo lotta disperatamente per la libertà


Quando l’Ayatollah Khomeini salì al potere nel 1979, promise ai suoi cittadini la libertà dopo la tirannia dello Shah.
Ma la sua promessa era destinata a infrangersi nel terrore e nella repressione. L’amore ai tempi della rivoluzione ne è un’esemplare testimonianza. Yadi Sharifirad, pilota nella guerra tra Iran e Iraq negli anni Novanta, era sfuggito miracolosamente alla morte ed era tornato da eroe in patria. La fama e il successo però durarono poco. Accusato di essere una spia americana, Sharifirad subì il carcere e la tortura, e soltanto dopo anni di disperati tentativi riuscì, con l’aiuto di un contrabbandiere, a...