L'assedio di Leningrado

€ 12,00

Eroismo, sacrificio, patriottismo. L’epico racconto della resistenza russa all’invasione nazista 

1941-1944: la storia vera della lunga resistenza del popolo russo alla sete di conquista di Adolf Hitler 

L’assedio di Leningrado, durato dal 1941 al 1944, è uno tra i più importanti e drammatici episodi della storia mondiale.

L’operazione militare, fortemente voluta da Hitler, aveva come obiettivo quello di piegare la popolazione, umiliandola e offendendola in ogni modo possibile. I militari tedeschi accerchiarono la città obbligandola a un progressivo isolamento e impedendo ogni via di fuga o rifornimento. Oltre quattromila persone morirono di stenti nella sola giornata del 25 dicembre del 1941. L’esercito russo affrontò feroci battaglie e gli abitanti della città subirono soprusi e violenze, ma resistettero stoicamente al tentativo di conquista dei tedeschi, che durò oltre due anni, finché, in una decisa controffensiva, l’Armata Rossa distrusse le fortificazioni e cacciò il nemico dalla zona meridionale della città, ponendo fine all’assedio. Il numero totale delle vittime fu di circa un milione e seicentomila. Questo saggio racconta la tragedia e l’eroismo di un popolo che non solo sfuggì all’annientamento auspicato da Hitler, ma contribuì alla sua rovina.

L’assedio più lungo della seconda guerra mondiale 
Una prova di coraggio e resistenza straordinaria 
La liberazione finale segnò la più pesante sconfitta dell’esercito nazista

Le fasi cruciali dell’assedio ricostruite nel libro:


• la città di Pietro il grande e di Lenin
• obiettivo Leningrado
• la battaglia per l’accerchiamento
• il supplizio invernale
• falsa alba
• speranze deluse
• una città assediata
• l’incrinatura dell’assedio
• gennaio 1944: la liberazione

ISBN: 9788822702470 - Pagine: 288 - I volti della storia n. 402 - Argomenti: Storia
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...