I vicoli di Roma

€ 9,90

Storia, leggende, tradizioni, folklore

Prefazione di Armando Ravaglioli


Roma conta un gran numero di stradari antichi e recenti: ufficiali, per orientarsi nella toponomastica; eruditi, per dare ragione di curiose intitolazioni o per narrarne la storia. Ma non ci risulta che esista un altro «vicolario» come questo di Giorgio Carpaneto. Con amorosa pazienza, l’autore ha voluto mettere in luce quelle parti della città che normalmente non sono descritte nelle guide, e ha inteso attirare l’attenzione sul tipo particolare di vita e di società che si sviluppa e si svolge nel vicolo. Già a partire dall’etimologia latina di viculus (viuzza, contrada, borgo, villaggio), si è portati a pensare alla fraternizzazione fra coloro che ci vivono, per abitarvi o solo per lavorare. Si comprende, quindi, come la ricerca laboriosa del Carpaneto sia stata condotta essenzialmente sui vecchi libri, sui documenti letterari o folkloristici. Attraverso notizie di urbanistica, cenni storici, interpretazioni toponomastiche, e presentazioni di particolari oggetti esistenti nei vicoli, si giunge alla ricostruzione di una realtà sociale tipicamente romana della quale si sono perduti gli esempi, ma che aderisce al modello di società popolare che il Belli e il Pinelli hanno mirabilmente delineato.

«E allora la plebe di Roma, ritornando dai grandi spettacoli pubblici, dai riti, dalle liturgie, dalle feste, finiva per ritrovarsi nella sua sincerità e nella sua immediatezza proprio dentro la società del vicolo dove viveva e lavorava, dove giocava e pregava, dove apprendeva la deformata lezione dell’antico, dove si rendeva conto che l’unica sua vera ricchezza erano i sentimenti umani, l’abilità nel lavoro, il coraggio nell’affrontare la vita.»
Armando Ravaglioli

«Ho capito e sentito il calore del vicolo, rispetto alla via; un piccolo centro di vita permeato di intimità; un ambiente quasi autonomo e raccolto, dove tutti gli abitanti si conoscono e si parlano, come fossero di una stessa famiglia. Ho visitato tanti vicoli nei vari rioni del Centro Storico, e in tutti ho provato la stessa sensazione, per cui ho dedotto che la differenza tra via e vicolo risiede proprio nel diverso modo di vivere della gente.»
Giorgio Carpaneto

ISBN: 9788822710833 - Pagine: 400 - Tradizioni Italiane n. 263 - Argomenti: Arte - Storia - Guide - Arte, cinema e teatro - Storia - Saggistica
Condividi: 

Potrebbero piacerti anche...