L abbazia dei cento peccati
L'autore

nacque a Firenze nel maggio del 1265. Proveniva da una famiglia della piccola nobiltà guelfa fiorentina, di limitate risorse economiche, ma poté ugualmente attendere a regolari studi e frequentare gli ambienti colti della città. Partecipò attivamente alla vita politica fino a entrare a far parte dei Priori, la massima carica del governo fiorentino. Guelfo bianco, sostenne strenuamente contro i guelfi neri l’indipendenza del Comune dalle ingerenze del pontefice. Per la sconfitta della sua parte politica (e come per una sorta di paradossale contrappasso della condanna inflitta a Guido Cavalcanti, il poeta suo amico e rivale del cui esilio a vita si rese responsabile), visse in esilio dal 1302 alla morte, avvenuta a Ravenna nel 1321. La Newton Compton ha pubblicato Tutte le opere di Dante in volume unico e la Divina Commedia.

dello stesso autore:

Dante Alighieri
Tutte le opere

Invia ad un amico twitter condividi Anobii

ISBN 978-88-541-1727-3
Pagine 1216
Euro 14,90 11,18



I Mammut n. 11

Argomenti: Filosofia - Politica

Introduzione di Italo Borzi
Commenti a cura di Giovanni Fallani, Nicola Maggi e Silvio Zennaro
Edizioni integrali


Accanto alla poesia altissima e senza tempo della Divina Commedia è stata riunita in questo volume l’intera produzione dantesca, dalla Vita Nuova (1292-93), l’intimo memoriale in rime e prosa poetica dell’amore di Dante per Beatrice, alle Rime, mai raccolte da Dante in un corpus unitario; dal Convivio, scritto in volgare tra il 1304 e il 1307 per rendere accessibili anche al pubblico più vasto temi scientifici e filosofici, al trattato latino De vulgari eloquentia; dal Monarchia, trattato politico in tre libri, alle due Egloghe latine composte tra il 1319 e il 1320, fino alle tredici Epistole latine, scritte tra il 1304 e il 1319, e alla Quaestio de acqua et de terra, tesi filosofica letta a Verona nel 1320.

• Divina Commedia
• Vita Nuova
• Rime
• Convivio
• De vulgari eloquentia
• Monarchia
• Egloghe
• Epistole
• Quaestio de aqua et de terra